Project Description

Il soldatino di stagno

Italia, 2018, 5′

di Azzurra Stilo

LUNEDÌ 21 OTTOBRE

Palazzo dei Congressi, Ravenna

Slot 08:30 – 10:30

IL SOLDATINO DI STAGNO
Italia, 2018, 5’

Regia: Azzurra Stilo / Sceneggiatura: Azzurra Stilo / Produttore: Azzurra Stilo / Fotografia: Azzurra Stilo / Musica: Azzurra Stilo / Scenografia: Azzurra Stilo / Montaggio: Azzurra Stilo / Distribuzione: Azzurra Stilo

Il soldatino di stagno è basato sull’omonima fiaba di Christian Andersen, nella quale si scopre che i giocattoli non sono, come siamo soliti pensare, dei semplici oggetti inanimati, ma quando si spengono le luci e i bimbi vanno a dormire prendono vita e ne succedono di tutti i colori! I protagonisti di questo racconto sono: il soldatino di stagno da una gamba sola e la ballerina di carta. I loro occhi si parlano di continuo. Fra loro nasce un profondo amore e scoprono, l’uno grazie all’altro, di non essere dei semplici involucri, ma di possedere un luogo dove custodire le proprie emozioni.
Nel film è stato posto l’accento sul tema del sentimento che si instaura fra i due protagonisti, reinterpretandolo secondo un punto di vista personale. Di notte la magia pervade il castello di una terra lontana. Dal cielo iniziano a piovere gocce di stagno da cui prendono vita numerosi soldatini, che iniziano la loro marcia senza sosta. L’ultimo della fila, purtroppo, a differenza degli altri, ha una sola gamba, e, non riuscendo a stare al passo, si ritrova solo e abbandonato nella notte buia.
Ad un certo punto, perse le speranze e quasi privo di vita, dentro di sé sente battere qualcosa. Lui ancora non l’ha capito, ma quello è il battito del suo cuore che, vedendo da lontano una meravigliosa creatura di carta danzare con estrema leggiadria tanto da riscaldare anche la terra dei ghiacci, ha iniziato a battere. Il soldatino prova a raggiungerla, superando i freddi ostacoli, ma la perde di vista. Il vento l’ha portata via. Il suo cuore si è spento nuovamente e solo lei potrà riaccenderlo. La ballerina di carta, grazie ad un aiuto magico, riesce a ritrovare e a raggiungere il suo soldatino. Tenta invano di risvegliarlo con qualche pirouette. Capisce allora che solo raggiungendo il suo cuore potrà ridargli la vita. Con delicatezza avvicina la sua mano al suo petto e, dopo qualche istante, il suo cuore e quello del soldatino iniziano a battere sempre più forte. Ora possono finalmente volare via. Si donano al vento senza opporre resistenza, tanto il loro cuore, nonostante tutto, continuerà per sempre a battere all’unisono.

La regista: Azzurra Stilo

Azzurra Stilo è nata a Venezia il 9 aprile 1985. Dopo la laurea triennale in Architettura ha conseguito la laurea specialistica in Scenografia e Allestimenti presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Questo percorso di studi, caratterizzato da una duplice anima, l’ha accompagnata nella sperimentazione di diverse modalità di espressione visiva, permettendole di capire che esistono più punti di vista, più mezzi per conoscere, indagare e lavorare sul mondo che ci circonda. La necessità, come scenografa, di mettere in scena una realtà dalle molteplici interpretazioni, l’hanno fatta approdare al mondo delle immagini in movimento. I suoi video sono delle scenografie animate, in cui il passato, il presente ed il futuro convivono e si completano a vicenda, generando “prodotti” senza tempo, che immergono il pubblico in una dimensione onirica, in cui potersi “distrarre” per qualche minuto dal reale, ma al contempo scoprire che non servono troppi artifici perché la magia risiede già in esso.

Guarda gli altri film del Concorso
Visionari: le Giurie del Festival